L’accoppiamento del Pinscher Nano

Il Pinscher nano raggiunge la pubertà abbastanza presto; infatti, può avere il primo calore già verso gli 8-12 mesi di vita. Tuttavia è consigliabile far saltare il primo calore, cioè farlo accoppiare quando è un po’ più cresciuto, ma comunque non superare i 4-5 anni.

Il primo calore della femmina si riconosce da un leggero sanguinamento della vulva, chiamato proestro, cioè il periodo non fecondo che precede l’estro; quest’ultimo dura circa 15 giorni, la femmina accetta il maschio ed è feconda.

Per quanto riguarda il maschio, invece, il calore è riconoscibile dal suo interesse particolarmente forte per la femmina che si traduce in comportamenti tipici dell’accoppiamento come leccare la vulva e manifestare un vero e proprio corteggiamento.

L’accoppiamento del Pinscher nano è abbastanza unico, in quanto dopo la cosiddetta monta, il maschio si gira e i due cani si ritrovano con le code ravvicinate. Nonostante questa strana posizione, il maschio mantiene la penetrazione della femmina; questo avviene grazie al suo pene che durante l’accoppiamento si allarga impedendo l’uscita dalla vulva. Questo rigonfiamento dura fino all’eiaculazione; dopodiché si sgonfia e fuoriesce dalla femmina. La fase di accoppiamento del Pinscher dura dai 15 ai 30 minuti.

Dopo l’accoppiamento il calore non termina immediatamente, quindi è bene far attenzione che la femmina non venga montata da altri cani.
Normalmente la fecondazione dell’ovulo avviene massimo dopo due giorni dall’accoppiamento; infatti per ripetere la monta, il tempo consigliato è dopo le 48 ore.

Per quanto riguarda la gravidanza, dura dai 60 ai 63 giorni. Inizialmente la cagnolina non mostra sintomi particolari, ma con il passare del tempo si notano i capezzoli più rosa e l’ingrossamento addominale.
Quando è il momento di partorire la femmina invia dei segnali ben precisi: gratta la cuccia, è molto nervosa e respira in modo più affannato.
Si raccomanda di non lasciare la cagna mai da sola nel momento del parto e di avvertire subito il veterinario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *